Alatri – Arrestati due uomini coinvolti nell’operazione “Fireworks”

574

Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, gli uomini della SquadraMobile della Questura ed i militari dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone ed Alatri, hanno fermato e controllato un veicolo con a bordo due soggetti “noti”: un 28enne ed un 46enne residenti nell’hinterland frusinate.

Entrambi, coinvolti – e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari – nell’operazione del novembre 2016, quando Polizia e Carabinieri , con un blitz notturno smantellarono una vera e propria centrale dello spaccio a Frosinone; colpita la base logistica e operativa era all’interno di un noto complesso di edilizia residenziale pubblica, comunemente noto proprio con il nome di “Casermone”.

Gli indagati, di ritorno Roma, dove avevano presenziato al pronunciamento della sentenza dove gli stessi erano imputati per i fatti del 2016 che li condannati con rito abbreviato a cinque anni invece di otto anni e sei mesi, anziché far ritorno nelle rispettive abitazioni decidono di percorrere un percorso “ alternativo”, non autorizzato. La situazione desta sospetto. Militari e poliziotti decidono di procedere a perquisizione veicolare, personale e domiciliare, con esito positivo.

Il 46enne viene trovato in possesso di oltre tre grammi di hashish e quasi quattro grammi di cocaina. Nel suo appartamento vengono rinvenuti due coltellini per il taglio della sostanza stupefacente e materiale per il confezionamento, oltre a banconote. A casa del 28enne è stato rinvenuto un bilancino di precisione con i residui biancastri ed altre banconote per oltre tremila euro. E’scattato l’arresto.