Ferentino – Insediati Giunta e Consiglio Comunale. Al via il “Pompeo bis”

175
Antonio Pompeo

Si è insediato ufficialmente il nuovo Consiglio comunale di Ferentino, dopo l’esito delle elezioni dello scorso 10 giugno che ha visto la riconferma, plebiscitaria, del sindaco Antonio Pompeo. Proprio il primo cittadino è stato il protagonista della seduta, con il giuramento sulla Costituzione italiana. Espletate anche le altre formalità sulla convalida degli eletti, la nomina della Commissione elettorale e dei Giudici popolari.

Il sindaco Pompeo ha provveduto a comunicare al Consiglio i componenti della giunta: Luigi Vittori con delega ai Servizi Sociali e Politiche giovanili; Massimo Gargani con delega all’Urbanistica; Evelina Di Marco con delega all’Ambiente, Agricoltura, Pubblica Istruzione; Andrea Valenti Martinez con delega Verde, Sport e Personale; Angelica Schietroma con delega alle Attività produttive, cultura e turismo. A Luigi Vittori è stata assegnata anche la delega di vicesindaco. “Un esecutivo che riflette il risultato elettorale, in linea con un modello amministrativo che in questi anni ha assicurato alla nostra Città sviluppo e opportunità” – ha spiegato Pompeo.

E’ stato inoltre eletto il Presidente del Consiglio comunale, Claudio Pizzotti. Il vice sarà Giuseppe Virgili. Per un avvicendamento interno si dimette Lucia Di Torrice ed in consiglio entra Giancarlo Lanzi, lista Partecipare.“Voglio complimentarmi – ha aggiunto Antonio Pompeo – Si tratta di un ruolo di grande importanza, per la conduzione dei lavori dell’aula che, sono certo, svolgerà in maniera puntuale e precisa”. Infine, il sindaco ha concluso: “Si apre questa nuova consiliatura che mi vede confermato alla carica di sindaco della città di Ferentino. Se la scorsa elezione, quella del 2013, ha visto prevalere l’emozione della prima volta, quella di domenica 10 giugno ha un valore ancora maggiore: arriva dopo cinque anni di governo che i cittadini hanno dimostrato di apprezzare e ci hanno premiato con un consenso straordinario. Che cosa intendiamo fare nei prossimi cinque anni? Visto il risultato delle urne, continuare sulla strada tracciata. Abbiamo presentato un programma ambizioso ma che sappiamo essere il più adatto rispetto alle necessità del nostro territorio. La Città delle Opportunità è il nostro riferimento. Puntiamo a progetti di ampio raggio per il Centro storico, per i servizi sociali e l’associazionismo, per la sicurezza e la riduzione del rischio idrogeologico, per la sostenibilità e l’urbanistica, per le attività sportive.

Mi aspetto per questo il contributo di tutti coloro che oggi siedono in questa sala e di coloro che fuori di essa – cittadini, associazioni, giovani – rappresentano i riferimenti della nostra vita sociale.  Voglio sottolineare la mia volontà di instaurare un rapporto costruttivo con le forze di minoranza. Da parte mia piena apertura per le proposte che vanno nella direzione di migliorare la nostra Città, in un clima di serenità, rispetto e collaborazione”.